Categorie
notizie

E la Sicilia rischia pure di una avere una finta Alta velocità ferroviaria

E la Sicilia rischia pure di una avere una finta Alta velocità ferroviaria

PALERMO – Più di un eventuale allungamento della nuova tratta ferroviaria Salerno-Reggio Calabria, con deviazione interna anziché un percorso sulla fascia tirrenica, la vera iattura sarebbe non avere l’alta velocità. Tanto per la Calabria quanto per la Sicilia. Lo sostengono due esperti in campo trasportistico, i professori Matteo Ignaccolo (Università di Catania) e Demetrio Carmine Festa (Università della Calabria), prendendo in esame le proposte che Rfi ha proposto al governo nazionale nell’ambito del “Piano nazionale di ripresa e resilienza”. Oltre alla Salerno-Reggio Calabria, l’attenzione è rivolta alla Palermo-Catania-Messina. Senza l’alta velocità – quella vera, coi treni in grado di raggiungere i 300 chilometri all’ora – non ci sarebbe un miglioramento dei tempi di percorrenza per raggiungere Roma. Insomma, un “pezzo” consistente del Mezzogiorno continuerebbe ad essere privo di infrastrutture in grado di garantire una degna mobilità. La preoccupazione serpeggia nel mondo politico siciliano, già scosso dalle recenti “uscite” dei ministri

Il servizio intitolato: E la Sicilia rischia pure di una avere una finta Alta velocità ferroviaria è stato inserito il 2021-04-09 10: 55: 48 dal sito online (lasicilia.)

Approfondisci

Cerca da altre fonti:
Google

Yahoo