Apre studio tatuaggi dai domiciliari: denunciato

Aveva trasformato la sua abitazione, dove scontava i domiciliari, in un laboratorio di tatuaggi abusivo. A interrompere l’attività di tatuatore di Giuseppe Falcone, 29 anni, è stata la polizia che durante un controllo ha fermato una coppia di giovani che usciva dall’appartamento di via Padovani, nel quartiere Zisa, a Palermo.

I due hanno raccontato agli agenti di aver appena fatto un tatuaggio, di essere già stati clienti di Falcone e di averlo contattato tramite un social neetwork sul quale ‘tattoogf’, nome d’arte utilizzato, era solito farsi pubblicità. Nell’appartamento gli agenti hanno trovato un vero e proprio laboratorio di tatuaggi, con tanto di lettino e varie attrezzature come flaconi di inchiostro, disinfettanti, vasellina, aghi e album illustrativi. L’Asp ha constatato e contestato le violazioni amministrative relative alle carenti condizioni sanitarie.

Il giovane tatuatore è stato denunciato e una segnalazione è stata inviata all’Ufficio di …
Leggi anche altri post su Palermo o leggi originale
Apre studio tatuaggi dai domiciliari: denunciato


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, privo di intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer