Notizie

Pescatori accusati di essere scafisti, migranti irreperibili: salta l’scontro probatorio

I cinque migranti che avevano confermato agli inquirenti le accuse nei confronti dei componenti dell’equipaggio sono irreperibili. Il pubblico ministero Gloria Andreoli chiedeva di sentirli “con massima urgenza” proprio per il timore che potessero lasciare la zona dello Stato. 

L’scontro probatorio, fissato per nella mattinata di oggi davanti al gip Luisa Turco, per sentire i ragazzi tunisini, di età compresa fra i 15 e i 21 anni, di fatto è saltato. 

Il procedimento, a carico di ventidue persone, è quello che, il 28 luglio, ha portato al fermo dei componenti del motopesca tunisino “Hadj Mhamed”, bloccati dalla Guardia di Finanza il 28 luglio, con l’accusa di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina. L’imputazione, in particolare, è quella di avere fatto entrare illegalmente almeno cinque tunisini, che avevano pagato 4 mila dinari a testa per essere trasportati dalle coste accanto al porto di Mahdia (Tunisia) a Lampedusa, col sistema della “nave madre”: a poche miglia dall’isola i migranti sarebbero stati imbarcati su uno dei tre barchini a motore a disposizione del motopesca e indirizzati verso la terraferma. 

 » 

Show More