Palermo troppo sprecone, il San Tommaso lo raggiunge a 4 minuti dalla fine (1-1)


Non comincia nel migliore dei modi il nuovo anno per il Palermo. Nell’anticipo di oggi ad Avellino, i rosanero hanno gettato al vento una vittoria che sembrava scontata. Ma a 4 minuti dalla fine la formazione irpina è riuscita a piazzare la zampata dell’ 1 a 1 con Alleruzzo che ha mandato la sfera alle spalle del portiere Pelagotti.
La formazione siciliana era scesa in campo con il nuovo attaccante Floriano per dare maggiore incisività al reparto avanzato. L’ex Bari ha disputato la sua onesta partita, ma non è stato invece protagonista del match. Nella prima frazione di gioco il Palermo ha sciupato più di un’occasione per andare in vantaggio. Due le occasioni fallite nel primo parziale: al 14′ con Langella ed al 45′ Ricciardo al momento della conclusione è scivolato in piena area.
In avvio di ripresa gli ospiti passano in vantaggio. E’ il 46′ quando Langella fa secco il portiere Landi, piazzando una gran botta dal limite dell’area.
Il San Tommaso reagisce e schiaccia il Palermo nella propria area di rigore. Il gol dell’ 1 a 1 arriva all’86’. Sugli sviluppi di un calcio di punizione dalla sinistra, il capitano Alleruzzo si avventa sul pallone e lo insacca nella porta difesa da Pelagotti. Al 93′ i padroni di casa rischiano un clamoroso autogol, ma la gara finisce sull’ 1 a 1.