“Monte Cofano come un vulcano”, la Sicilia continua a bruciare- Live Sicilia


“Monte Cofano come un vulcano”, la Sicilia continua a bruciare- Live Sicilia 

Monte Cofano in fiamme (Foto Adriano Drago)

Dopo una notte di timore, altre due riserve naturali in fiamme. Roghi nell’Agrigentino e nel Palermitano, rabbia e indignazione: “Incendi dolosi”

TRAPANI – “Sembrava lava, credevo si trattasse di un vulcano”. E invece no, quella avvolta dalle fiamme e immortalata da centinaia di utenti sui social stanotte, era la riserva naturale di Monte Cofano, tra Custonaci e la nota località balneare di San Vito Lo Capo, nel Trapanese. Un patrimonio ambientale letteralmente divorato dall’incendio, innescato, in base ai primi accertamenti, su almeno quattro differenti punti. Sono arrivati i pompieri, i militari dell’arma e tre squadre di volontari della Forestale per evitare che il fuoco raggiungesse pure altre zone della montagna.

Ma sono state necessarie più di otto ore per spegnere gli ultimi focolai. Un rogo che ha divorato ettari di macchia mediterranea e che ha ferito profondamente le comunità dei due paesi che, impotenti, hanno assistito “all’ennesima azione criminale”, così come i due sindaci l’hanno definita. Giuseppe Morfino, sindaco di Custonaci, e Giuseppe Peraino, primo cittadino di San Vito Lo Capo, infatti non hanno dubbi sull’origine dolosa dell’incendio. “Un gesto vile che lascia profondamente amareggiati – hanno detto – un’azione criminale da condannare fermamente auspicando che il colpevole, o i colpevoli, venga individuato e punito. Rivolgo…