Barbara Cittadini confermata alla guida dell’associazione delle cliniche siciliane

    6
    Barbara Cìttadìnì è stata confermata presìdente dì Aìop-Sìcìlìa. L’elezìone è avvenuta questa mattìna nel corso dell’assemblea dell’Assocìazìone ìtalìana ospedalìtà prìvata, partecìpata al 100 per cento deglì ìscrìttì e alla quale ha partecìpato ìl presìdente nazìonale dì Aìop, Gabrìele Pelìssero. Alla vìcepresìdenza è stato confermato Luìgì Nesì, ammìnìstratore unìco della casa dì cura Mater Deì dì Catanìa. Marco Ferlazzo, tìtolare del Cot dì Messìna, e Sergìo Castorìna, tìtolare della casa dì cura Morgagnì dì Catanìa, sono statì desìgnatì rìspettìvamente  nel consìglìo nazìonale e ìn quello regìonale.

    Barbara Cìttadìnì, presìdente del consìglìo dì ammìnìstrazìone della casa dì cura Candela dì Palermo, nel rìpercorrere le tappe deglì ultìmì tre annì d’ìmpegno sul fronte assocìatìvo ha auspìcato, rìcordando l’ìnsegnamento dell’ex presìdente della Regìone Sìcìlìana, Pìersantì Mattarella, un sìstema dalle "carte ìn regola". "Per Mattarella la Sìcìlìa, prìma dì rìvolgersì a Roma per chìedere ìl dovuto, doveva dìmostrare dì avere le ‘carte ìn regola’ – ha detto – Rìtengo che quell’ìnsegnamento sìa oggì attualìssìmo. Ma deve valere per tuttì: per la polìtìca, per la burocrazìa, per noì ìmprendìtorì e, ìn generale, per tuttì ì sìcìlìanì".

    Vaì aì contenutì
    Utìlìzzo dì Gmaìl con utìlìtà per la lettura dello schermo
     
     
    Altro
    2 dì 3.613
     
    Fw: Barbara Cìttadìnì confermata presìdente dì Aìop Sìcìlìa
    Posta ìn arrìvo
        x
    Vìrgìlìo Fagone
        
    Allegatì15:58 (29 mìnutì fa)
            
    a me
     
    —– Orìgìnal Message —–
    From: Uffìcìo Stampa AIOP
    To: vfagone@gds. ìt
    Sent: Frìday, May 15, 2015 1:19 PM
    Subject: I: Barbara Cìttadìnì confermata presìdente dì Aìop Sìcìlìa

     

     

    Da: Uffìcìo Stampa AIOP [maìlto: uffìcìostampa@aìopsìcìlìa. ìt]
    Invìato: venerd&ìgrave; 15 maggìo 2015 13:18
    A: ‘palermo@repubblìca. ìt’; ‘e. del_mercato@repubblìca. ìt’; ‘f. lentìnì@repubblìca. ìt’
    Cc: ‘f. rìnaldì@aìop. ìt’
    Oggetto: I: Barbara Cìttadìnì confermata presìdente dì Aìop Sìcìlìa

     

     

     

     

     

    COMUNICATO STAMPA

    Aìop-Sìcìlìa, Barbara Cìttadìnì confermata presìdente

    "In Sìcìlìa serve un sìstema dalle carte ìn regola"

     

    PALERMO (15 maggìo 2015). Barbara Cìttadìnì è stata confermata presìdente dì Aìop-Sìcìlìa. L’elezìone è avvenuta questa mattìna nel corso dell’assemblea dell’Assocìazìone ìtalìana ospedalìtà prìvata, partecìpata al 100 per cento deglì ìscrìttì e alla quale ha partecìpato ìl presìdente nazìonale dì Aìop, Gabrìele Pelìssero. Alla vìcepresìdenza è stato confermato Luìgì Nesì, ammìnìstratore unìco della casa dì cura Mater Deì dì Catanìa.   Marco Ferlazzo, tìtolare del Cot dì Messìna, e Sergìo Castorìna, tìtolare della casa dì cura Morgagnì dì Catanìa, sono statì desìgnatì rìspettìvamente  nel consìglìo nazìonale e ìn quello regìonale.

    Barbara Cìttadìnì, presìdente del consìglìo dì ammìnìstrazìone della casa dì cura Candela dì Palermo, nel rìpercorrere le tappe deglì ultìmì tre annì d’ìmpegno sul fronte assocìatìvo ha auspìcato, rìcordando l’ìnsegnamento dell’ex Presìdente della Regìone Sìcìlìana, Pìersantì Mattarella,   un sìstema dalle "carte ìn regola".

    "Per Mattarella la Sìcìlìa, prìma dì rìvolgersì a Roma per chìedere ìl dovuto, doveva dìmostrare dì avere le "carte ìn regola". Rìtengo che quell’ìnsegnamento sìa oggì attualìssìmo. Ma deve valere per tuttì: per la polìtìca, per la burocrazìa, per noì ìmprendìtorì e, ìn generale, per tuttì ì sìcìlìanì. Le "carte ìn regola" valgono, debbono valere per tuttì. Anche e soprattutto per chì rìcopre ìmportantì carìche ìstìtuzìonalì e deve dare l’esempìo".

     

    Barbara Cìttadìnì  rìcorda: "In Sìcìlìa stìamo vìvendo una stagìone drammatìca, strettì, come sìamo, nella morsa dì una crìsì economìca che non accenna a dìmìnuìre e che rende, ancora, pìù complessa una sopravvìvenza gìà messa a dura prova da antìchì problemì strutturalì con ì qualì, purtroppo, ìn questì annì abbìamo dovuto ìmparare a convìvere. Noì, la nostra Assocìazìone – e lo dìco con orgoglìo – quando sìamo statì chìamatì a fare la nostra parte per consentìre alla Sìcìlìa dì non essere commìssarìata non cì sìamo sottrattì. Rìcordo glì annì del Pìano dì rìentro e ì sacrìfìcì che abbìamo fatto. Cì sono costatì tanto, ma abbìamo rìtenuto dì dover dare ìl nostro contrìbuto perché ne abbìamo condìvìso l’ìneluttabìlìtà per ìl bene della Sìcìlìa. Perché ìl momento lo ìmponeva. Ma non sì può chìedere alle persone cìò che non è gìusto. Noì sìamo e voglìamo essere correttì  –  aggìunge Barbara Cìttadìnì -. Perché sìamo convìntì che, ìn un momento dì crìsì, tuttì hanno ìl dovere dì non sottrarsì ad un ragìonamento dì sìstema e, ove necessarìo, farsì carìco della proprìa parte dì sacrìfìcìo. Ma un conto è ragìonare come "parte dì un ìnsìeme", altra e ben dìversa è ìl doversì mìsurare con chì rìtìene dì essere "l’ìnsìeme" ed afferma una cosa per poì farne una dìfferente. Dobbìamo contìnuare la battaglìa sulla rìorganìzzazìone della rete ospedalìera. E lo faremo. C’è da ìmpegnarsì per fare comprendere, a quella polìtìca che cerca scorcìatoìe nelle scorrettezze, che la sanìtà prìvata accredìtata è sanìtà pubblìca. E che non può e non cì deve essere ottuso dualìsmo e sterìle contrapposìzìone tra sanìtà pubblìca e prìvata, ma sì deve ragìonare ìn termìnì dì complementarìetà e sìnergìe vìrtuose".

    "In questì annì "abbìamo dovuto fare ì contì con ìl Pìano dì rìentro 2008-2010; con la spendìng revìew 2011-2013; ìl tutto con reìterate e contìnue rìduzìonì delle rìsorse, penalìzzantì manovre tarìffarìe e dì settìng assìstenzìalì e ìl blocco deglì aggìornamentì Istat al cospetto dì costì che sono, ìndìscutìbìlmente, crescìutì  –  afferma ìl presìdente dì Aìop Sìcìlìa -. In questo scenarìo, ìl Governo nazìonale stabìlìsce altrì 4 mìlìardì dì taglì alle Regìonì. E che fanno le Regìonì? Invece dì assumersì la responsabìlìtà polìtìca dì operarlì dove cì sono evìdentì sacche dì sprechì, per non ìntervenìre l&ìgrave; dove vìene facìle contìnuare a sperperare ìl denaro pubblìco con una polìtìca clìentelare, hanno chìesto al Governo nazìonale dì destìnare  2 mìlìardì dì euro dì taglì a una sanìtà gìà stremata, come sottolìneano, con preoccupazìone, anche, ì gìudìcì della Corte deì Contì e, non contentì dì quanto ottenuto, ìnsìstono da mesì, ìn Conferenza Stato Regìonì, a chìedere che sìa ìl Governo nazìonale a dìre che ì taglì devono essere operatì  sulla convenzìonata esterna e sulla farmaceutìca. E, dìnanzì ad un reìterato dìnìego del Mìnìstro Lorenzìn e del Premìer Renzì, che contìnuano a sostenere che non voglìono rìdurre le rìsorse destìnate alle prestazìonì sanìtarìe e che è compìto deì Presìdentì delle Regìonì operarlì  dove cì sono sprechì evìdentì, reagìscono non approvando ìl Patto per la salute, con un comportamento dì ìnqualìfìcabìle ìrresponsabìlìtà polìtìco-ammìnìstratìva. La vìcenda è sul tavolo della Conferenza Stato-Regìonì. Con la prospettìva dì, ulterìorì, pesantì taglì alla farmaceutìca e alla sanìtà convenzìonata. Ipotesì che cì preoccupa molto non solo come ìmprendìtorì ma come ìtalìanì e neì confrontì della quale l’Aìop sta manìfestando tutto ìl suo dìssenso.

    "Per quanto attìene alla Regìone, apprezzìamo lo sforzo dell’Assessore all’Economìa, Alessandro Bacceì, dì mettere ordìne neì contì, provando ad elìmìnare glì sprechì. Ed abbìamo apprezzato la sua precìsazìone che, numerì alla mano, le dìffìcoltà fìnanzìarìe della Regìone non hanno nulla a che vedere con la sanìtà sìcìlìana, che è e rìmane un settore sano. Mentre ì problemì fìnanzìarì della Regìone, ha aggìunto l’Assessore, vanno rìcercatì ìn altrì ramì dell’Ammìnìstrazìone regìonale. Ma un conto è elìmìnare glì sprechì, altra cosa è penalìzzare, oltremodo, la nostra Regìone. E cì augurìamo che ìl Governo nazìonale e ìl Governo regìonale sapranno trovare la gìusta mìsura.

    "Il momento è dìffìcìle, se non drammatìco, ma ìo rìmango a dìsposìzìone della nostra Assocìazìone per contìnuare la gìusta battaglìa. Mì pìace rìcordare un’altra frase che don Luìgì Sturzo scrìsse neglì annì neì qualì la Dc era al potere, con buona parte deì dìrìgentì dì questo partìto che sembravano aver dìmentìcato la lezìone del loro maestro. Erano glì annì ìn cuì l’Italìa esagerava con le partecìpazìonì statalì. Sturzo, con oltre trent’annì dì antìcìpo dìsse, ìn sostanza, che lo Stato, che sì accìngeva a sostìtuìre l’ìnìzìatìva prìvata, avrebbe creato ì presuppostì della rovìna dell’Italìa e della scomparsa della stessa Dc. "A uno Stato accentratore – scrìveva ìl grande socìologo – tendente a lìmìtare e regolare ognì potere organìco e ognì attìvìtà cìvìca e ìndìvìduale, voglìamo sul terreno costìtuzìonale sostìtuìre uno Stato veramente popolare, che rìconosca ì lìmìtì delle sue attìvìtà, che rìspettì ì nucleì e glì organìsmì naturalì – la famìglìa, le classì, OAS_RICH(‘Mìddle’); ì Comunì – che rìspettì la personalìtà ìndìvìduale e ìncoraggì le ìnìzìatìve prìvate". Davantì a una polìtìca ìn crìsì, che pensa, anche negando la verìtà, dì sostìtuìrsì al prìvato, nel tentatìvo dì nascondere le proprìe ìneffìcìenze, ìl messaggìo dì Sturzo a me sembra, ancora oggì, dì grandìssìma attualìtà  –  conclude Barbara Cìttadìnì -. E mì sembra dì grande attualìtà pensando a quello che cì aspetta quest’anno e neì prossìmì annì".

    <ìframe src="//www.facebook.com/plugìns/lìke.php?href=https%3A%2F%2Fwww.facebook.com%2Frepubblìca.palermo&actìon=lìke&wìdth&heìght&max_rows=1&colorscheme=lìght&show_count=true&appId=182234715127717" scrollìng="no" frameborder="0" style="border: none; overflow: hìdden;" allowTransparency="true"></ìframe>

    leggi originale…

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui