Anziano picchiato e maltrattato in Comunità: 5 indagati a Palermo

0
Anziano picchiato e maltrattato in Comunità: 5 indagati a Palermo

La Polizia ha dato esecuzione alla misura cautelare del divieto di dimora in alcuni comuni dell’hinterland di Palermo nei confronti di cinque indagati accusati, a vario titolo, di maltrattamenti aggravati nei confronti di un 84enne gravemente invalido ospite della comunità-alloggio “Anni Azzurri” di Palermo. Le indagini, grazie anche a intercettazioni audio e video, nell’arco di tre mesi hanno registrato più di 100 episodi nei confronti dell’anziano, con condotte vessatorie, denigratorie e lesive della dignità umana, oltre a percosse ed immobilizzazioni. Gli indagati sono tutti appartenenti ad un unico nucleo familiare: c’era il titolare di fatto della struttura e i suoi parenti (padre, madre e fratello) impegnati nella gestione quotidiana dell’attività. L’anziano, che percepiva i sussidi della 104, sarebbe stato picchiato e vessato solo perché si lamentava per i dolori connessi al suo stato precario di salute, circostanza che avrebbe arrecato “disturbo” agli altri ospiti ed agli stessi badanti e gestori. Spesso veniva lasciato piangere e lamentarsi anche per ore, non veniva accompagnato in bagno, altre volte veniva immobilizzato, imbavagliato e percosso. Un’ispezione dei sanitari dell’Asp di Palermo ha inoltre accertato come presso la struttura tutti gli operatori lavorassero in nero e come nessuno di essi fosse in possesso di attestazione professionale utile a svolgere tale attività. Tra gli indagati figura anche una badante della struttura che, oltre allo stipendio in nero, era beneficiaria del reddito di cittadinanza. Al termine dell’operazione tutti i degenti presenti nella struttura sono stati riaffidati ai rispettivi parenti.
E’ stata una telefonata anonima a fare scattare le indagini sulla Comunità alloggio Anni Azzurri a Palermo. “Un anziano invalido viene continuamente maltrattato e picchiato dagli operatori”. Sono state piazzate nella struttura le telecamere che hanno ripreso le continue vessazioni subite dall’anziano disabile. Nella struttura erano alloggiati tra i 12 e 14 ospiti. “Sono in corso accertamenti sulla struttura privata che non percepiva soldi pubblici – spiegano gli agenti del commissariato Zisa – Gli assistiti pagavano una retta. Al momento nessuno degli altri assistiti ha denunciato vessazioni o percosse. Solo l’anziano era bersaglio degli operatori e delle badanti perché si lamentava per le sue condizioni di salute. Apparentemente dall’esterno era tutto in regola. Una volta iniziate le indagini la realtà per quell’uomo invalido è apparsa purtroppo terribile”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui