Strage Borsellino, indagato a Caltanissetta il medico del boss Totò Riina

Il medico mafioso di Totò Riina, Antonino Cinà, 74 anni, è indagato nella nuova inchiesta della procura di Caltanissetta sulla strage di via D’Amelio, a Palermo, dove il 19 luglio ’92 vennero uccisi con un’autobomba il magistrato Paolo Borsellino e cinque agenti della Ps di scorta. La notizia, pubblicata dal sito di Repubblica Palermo, si apprende perché il gip di Caltanissetta Valentina Balbo ha rigettato la richiesta di archiviazione presentata dal pool nisseno coordinato dal procuratore Amedeo Bertone e dall’aggiunto Gabriele Paci. Il giudice delle rilevazioni preliminari ha fissato un’udienza al 28 ottobre, nel palazzo di giustizia di Caltanissetta. Cinà, analista nel reparto di Neurologia del Civico palermitano, venne arrestato la prima volta nel 1993 chiamato in causa da alcuni collaboratori che lo hanno indicato come medico personale del boss Riina e uomo d’onore a disposizione di Cosa nostra. Cinà è stato quindi arrestato e condannato varie …
Leggi anche altri post su Caltanissetta o leggi originale
Strage Borsellino, indagato a Caltanissetta il medico del boss Totò Riina


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, privo di intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer