Maratona di Palermo, ancora nel segno del Kenya. Arrivi in solitaria sia tra gli uomini che tra le donne.

Bella, spruzzata dalla pioggia e con una forte impronta estera. E’ la maratona di Palermo che oggi ha festeggiato i suoi 25 anni. Compleanno bagnato per la manifestazione organizzata dall’ASD Media@ che dal 2017 si fregia del patrocinio dell’Unesco. E proprio il suo percorso, difficile, muscolare ma che affascina per l’arte e la cultura che offre, ha visto protagonisti oltre 1800.

Il marchio c’è l’ha messo il Kenia con Kenneth Rotich Kemboi, tra gli uomini e Gladys Chepngetich, tra le donne che hanno scritto per la prima volta il loro nome nell’albo d’oro della manifestazione. Gara maschile caratterizzata dal duello casalingo Rotich – Korir con il primo che dopo 31 chilometri ha rotto gli indugi cominciando quella cavalcata solitaria che l’avrebbe portato al traguardo con l’ottimo tempo di 2h14’21
Leggi anche altri post su palermo o leggi originale
Maratona di Palermo, ancora nel segno del Kenya. Arrivi in solitaria sia tra gli uomini che tra le donne.


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, privo di intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer