Mafia, a sedici anni dall’assassinio riprende il processo sul piccolo Di Matteo

    20

    Riprende oggi davanti alla corte d’assise di Palermo, a poche ore dall’anniversario dell’uccisione del bambino, il processo per il sequestro e l’omicidio del piccolo Giuseppe Di Matteo, il figlio del pentito Santino, rapito e poi ucciso per indurre il padre a ritrattare. Giuseppe Di Matteo, rapito il 23 novembre 1993, fu eliminato l’11 gennaio del 1995.

    I giudici sentiranno oggi il capomafia Giuseppe Graviano: a chiedere l’interrogatorio del boss di Brancaccio, che è tra gli imputati, è stato il suo legale, che ha deciso di citare Graviano al termine della deposizione del collaboratore di giustizia Gaspare Spatuzza, comparso in videoconferenza alle scorse udienze. Il pentito ha raccontato le fasi del sequestro del bambino, rapito a novembre del 1993 in un maneggio di Altofonte da un gruppo di sicari travestiti da poliziotti. Un duro atto d’accusa, quello del pentito, che ha riferito di avere avuto proprio dal boss l’ordine di portare via il piccolo Di Matteo, strangolato e sciolto nell’acido dopo 779 giorni di prigionia.
    Nella sua lunga deposizione Spatuzza ha più volte chiesto perdono ai familiari del bambino: ma sia la madre che il padre hanno detto che non potranno mai accogliere la richiesta del collaboratore.

    Mafia, a sedici anni dall’assassinio riprende il processo sul piccolo Di Matteo




  • CONDIVIDI