“La gioielleria di Mineo luogo di summit”. Scatta l’interdittiva antimafia del prefetto

Il nuovo padrino della Cupola, Settimo Mineo, teneva udienza nella gioielleria di corso Tukory 180. Il negozio “era luogo di frequenti incontri con indagati di mafia”. Due giorni dopo il blitz dei carabinieri disposto dalla procura, il prefetto di Palermo Antonella De Miro ha disposto un’interdittiva antimafia per la società che gestisce la gioielleria. L’attività è ritenuta “soggetta a tentativi di infiltrazione mafiosa o condizionabile…

LEGGI TUTTO


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, senza intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer