Categorie
notizie

Il prefetto Librizzi: «La “mia” Catania: una doppia responsabilità»

Il prefetto Librizzi: «La “mia” Catania: una doppia responsabilità»

Catania – Non chiamatela “eccellenza”! Il primo approccio dell’insediamento è stato appena superato e il nuovo prefetto di Catania, Maria Carmela Librizzi, avanza subito una domanda: «Evitate di chiamarmi così (“eccellenza”, per l’appunto, ndc). Per il resto non ho problema alcuno: “prefetta” va benissimo, ma anche il più tradizionale e fors’anche istituzionale “prefetto” non mi turba. L’importante, del resto, è che da oggi sono in questa sede per lavorare». La “sua” sede. «Io ho sentito “mie” tutte le città in cui ho lavorato, però non nascondo che per me è una grande emozione prendere servizio a Catania. Benché io abbia radici a Calascibetta, in provincia di Enna, mi sento catanese a tutti gli effetti: sono venuta qui da piccolissima e qui ho fatto tutto il mio percorso di studi. Dalle elementari alla laurea. Diciamo che per me essere il prefetto di Catania rappresenta una doppia responsabilità: c’è quella, indiscutibile, del ruolo,

L’articolo intitolato: Il prefetto Librizzi: «La “mia” Catania: una doppia responsabilità» è stato inserito il 2021-03-16 14: 56: 52 dal sito online (lasicilia.)

Leggi

Cerca da altre fonti:
Google

Yahoo