E’ servito a Catania l’hamburger più caro d’Italia: costa 90 euro ed è ricoperto d’oro

65
E' servito a Catania l'hamburger più caro d'Italia: costa 90 euro ed è ricoperto d'oro
E' servito a Catania l'hamburger più caro d'Italia: costa 90 euro ed è ricoperto d'oro

CATANIA – E’ probabilmente l’hamburger più caro d’Italia, sicuramente della Sicilia: il “One million burger” costa ben 90 euro ed è un primato made in Catania. La particolarità? È interamente ricoperto in foglie d’oro da 24 carati, ma commestibili, oltre a essere aromatizzato al tartufo nero, con tartara di filetto di fassona piemontese, lattuga nostrana affumicata, datterino giallo di Sicilia scottato, nocciole del Piemonte tostate, crema di gorgonzola blu del Monviso, cipolla rossa di Tropea marinata al barolo chinato e, per concludere, maionese handmade al tuorlo d’uovo bio.

L’idea, “partorita” dai giovani imprenditori Marco Rosso e Giuseppe Sbriglione, (titolari di BIF, hamburgheria-steackhouse gourmet in centro), è stata celebrata dall’estro culinario dello chef Riccardo Russo, della brigata di cucina del ristorante stellato Belmond-Hotel Timeo di Taormina. «Abbiamo provato a unire due mondi – affermano i giovani imprenditori – e cioè lo sfarzo degli ingredienti alla semplicità dell’hamburger in quanto tale. È venuto fuori un mix inaspettato».

Non sappiamo con certezza se il “One Million Burger” sia il più caro d’Italia, sicuramente non è il più caro del mondo dove si trovano hamburger che arrivano sino a 2.000 euro. Per quanto riguardo l’Italia, cercando su Google, ci siamo imbattuti nella portata di una hamburgeria di Pordenone che costa 85 euro. Si chiama “I’m rich” ed è fatto con manzo wagyu e kobe (carne giapponese rinomata che si ottiene massaggiando gli animali con la birra), oro 24 carati (una foglia di oro commestibile), uova di quaglia con tartufo bianco, formaggio blu al Sauternes, mayonese al tartufo nero, radicchietto fresco, caviale e panna acida.

Ma quello di Catania lo batte per cinque euro. Nel mondo invece,come dicevamo, i prezzi salgono e anche tanto. All’Honky Tonk di Chelsea, Londra, viene per esempio servito il Glamburger (220 grammi di macinato misto di manzo di Kobe e carne di cervo della Nuova Zelanda, cuore di tartufo nero e brie, sale dell’Himalaya affumicato, astice canadese,foglie d’oro, zafferano iraniano, sciroppo d’acero, pancetta, caviale Beluga, uovo di anatra affumicato, maionese e tè verde giapponese) alla modica cifra di 1.400 euro, mentre alla Steakhouse Oak Door, presso l’hotel Grand Hyatt di Tokyo, è possibile ordinare il Golden Giant Burger (con tartufo nero e foie gras) a circa 900 dollari. In Olanda invece ne abbiamo trovato uno che costa 2.250 dollari al ristorante South of Houston a l’Aia: è fatto con manzo Wagyu, Black Angus, aragoste Oosterschelde infuse con erbe aromatiche giapponesi e olandesi, foie gras, tartufi bianchi e neri, formaggio Remeker, prosciutto iberico, lattuga francese, pomodori e caviale. 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui