MessinaTrapani

Centro giovani in un bene confiscato a prestanome Messina Denaro

#Trapani

Un bene confiscato diventerà centro aggregativo per i giovani e gli anziani a Erice, nel Trapanese. Si e svolta la consegna e l’inaugurazione della nuova sede sociale dell’associazione socio culturale “Insieme per Ballata”. L’associazione vincitrice di un bando comunale per l’assegnazione dei beni sequestrati alle organizzazioni mafiose, si e aggiudicata l’ex supermercato Despar. L’azione venne sequestrata nel 2013 all’uomo d’affari castelvetranese Giuseppe Grigoli, ritenuto prestanome di latitante Matteo Messina Denaro.

Saranno creati laboratori

Alla cerimonia hanno preso inizia la presidente dell’associazione Maria Bonello, l’assessore di Erice Paolo Genco, il comandante della stazione di Fulgatore dei militari dell’arma Giuseppe di Prima e il prete Toni Adragna. La costruzione sarà culla per centro di aggregazione giovanile e di ritrovo per gli anziani, saranno svolti laboratori sulla legalità, sulla riscoperta e valorizzazione delle antiche tradizioni, servizi essenziali per la comunità ballatese che sebbene la riduzione demografica, riesce a fare aggregazione.

Il precedente

Non e il 1º bene di Grigoli che ad Erice viene assegnato. Nel 2017 venne assegnato dal Comune un immobile che ospitava un supermercato in via convento San Francesco di Paola a Casa Santa. Fu destinato ad una cooperativa appositamente costituita da 3 ex lavoratori del gruppo 6 Gdo, la società confiscata a Giuseppe Grigoli, braccio destro economico del boss latitante Messina Denaro. La Coop, Cdr Group, contava a suo tempo come da progetto di assumere 8 unità lavorative. La nuova attività commerciale e stata operativa in alcune mesi dall’assegnazione del bene.

L’impero di Grigoli

Grigoli oggi e un collaboratore di giustizia. Nel 2013 beni mobili e immobili per un valore di oltre 700 milioni furono sequestrati dalla Direzione investigativa antimafia all’uomo d’affari di Castelvetrano, 73 anni, indicato dagli inquirenti come uomo di fiducia e prestanome del boss latitante Matteo Messina Denaro. Il provvedimento definitivo di sequestro del patrimonio fu emesso dalla sezione misure di prevenzione del tribunale di Trapani. I sigilli riguardarono 12 società, 220 fabbricati tra palazzine e ville, e 133 appezzamenti di terreno per un totale di 60 ettari. Un “tesoro” che, per gli investigatori, sarebbe stato frutto di proventi illeciti e di riciclaggio di soldi sporco.

Articoli correlati


PAGN2931 => 2022-12-06 10:56:31

Trapani

Show More

Articoli simili