Caso Nicosia, Cappato difende le battaglie dei radicali. «La tessera? Pure ai boss, la nostra linea non cambia»

«Se un boss volesse, potrebbe iscriversi ai Radicali, non cacciamo nessuno. Anzi, negli anni ’70 avveniva, magari dopo essere stati arrestati. Il punto è che non sarebbe mai il boss a dettare la linea, che arriva dalla mozione approvata ogni anno dal partito». È un Marco Cappato determinato a difendere con convinzione la linea, le finalità e le battaglie dei Radicali, quello che a margine della conferenza stampa sulla cannabis terapeutica, risponde sull’inchiesta che ha coinvolto Antonello Nicosia, collaboratore parlamentare della deputata Giuseppina Occhionero e …
Leggi originale
Caso Nicosia, Cappato difende le battaglie dei radicali. «La tessera? Pure ai boss, la nostra linea non cambia»


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, privo di intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer