Agrigento rende l'ultimo saluto a Massimo: tanta commozione tra parenti e amici

agrigento

Agrigento si è fermata per alcune ore per rendere omaggio a Massimo Aliseo, il ventottenne, sposato e padre di due figli, morto il 2 gennaio per l’esplosione di una bombola di ossigeno nel capannone della “Medical Gas criogenici”, società per la quale lavorava come operaio.

Sono stati fatti volare in cielo i palloncini bianchi e, come riporta Gerlando Cardinale sul Giornale di Sicilia in edicola, è apparso uno striscione con i colori della sua squadra del cuore Akragas con la scritta “Da lassù continuerai a guardarci”. Grande commozione per l’addio al ventottenne i cui funerali sono stati celebrati nella chiesa del Quadrivio.

Leggi anche altri articoli di agrigento
o leggi originale


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, senza intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer

AG