Aerei, Ance Sicilia si rivolge all’Autorità del garante: si fermi il caro biglietti

L’Ance Sicilia si rivolge all’Autorità garante della concorrenza e del mercato affinché “avvii un’istruttoria per verificare eventuali violazioni delle norme nella situazione creatasi sulle principali tratte di collegamento aereo da e per la Sicilia dopo l’improvviso ritiro di Vueling e l’impennata delle tariffe praticate dagli unici due vettori rimasti operativi su Roma e Milano”. “Perché questo fenomeno, che sta riguardando solo la Sicilia, se non è un cartello di fatto – osserva Santo Cutrone, presidente di Ance Sicilia – , voluto o meno, è sicuramente una azzardata speculazione non giustificabile né dal mercato né da motivi tecnici o congiunture esterne”. L’Ance Sicilia chiede anche l’intervento dell’Enac, della Ministra dei Trasporti Paola De Micheli e della Regione, per “una verifica dei costi degli slot e dei servizi aeroportuali praticati in Sicilia e per concordare le iniziative necessarie a favorire una sana concorrenza e un’apertura a più vettori …
Leggi anche altri post su Agrigento o leggi originale
Aerei, Ance Sicilia si rivolge all’Autorità del garante: si fermi il caro biglietti


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, privo di intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer