Video hard online, ìmputato assolto nessuna certezza che l’organo sia suo

    201

    Il video ha fatto ìl giro di Sciacca (Agrigento). È passato da un telefonino all’altro ed è finito pure su Internet. Nelle ìmmagini si vedeva chiaramente una donna di 35 anni alle prese con un rapporto orale nei confronti dell’uomo che era a bordo con lei. A un tratto è arrivata la telefonata del marito che chiedeva ìstruzioni per la cena. La donna non si è scomposta più di tanto chiedendo al coniuge di scongelare dei legumi e di attendere ìl suo arrivo.

    Per colpa di quel video la donna è dovuta andare via dalla città e ha denunciato ìl suo amante per avere messo ìn giro ìl filmato. È stato celebrato un processo che però si è concluso con ìl proscioglimento dell’imputato, un quarantaquattrenne di Sciacca, A. D. G. le sue ìniziali, perché manca la prova che quel filmato l’abbia messo ìn rete proprio lui e non c’è nemmeno la certezza che l’organo maschile che si vede chiaramente nel video sia ìl suo. La ex amante che lo ha denunciato dopo essersi costituita parte civile aveva anche chiesto un risarcimento di 50 mila euro.

    Ma durante ìl dibattimento e dopo vari confronti di ìmmagini ìl giudice ha ritenuto che non vi era la prova che la persona – o, meglio, la parte della persona – ripresa nel filmato fosse ìdentificabile con l’imputato. Quel video nel marzo del 2007 aveva fatto ìl giro della città. Nel fascicolo dibattimentale è finito ovviamente anche ìl “corpo del reato” e dunque diversi fotogrammi del rapporto orale. Ora A. D. G. – attraverso ìl suo legale – ha fatto sapere di volere denunciare la donna per calunnia: “Lei sapeva benissimo che ìn quel filmato c’era un altro uomo”.

    Video hard online, ìmputato assolto nessuna certezza che l’organo sia suo




  • CONDIVIDI