Storia di un ordinario caso di razzismo al Comune. «Le pratiche per gli stranieri fanno perdere tempo»

«In attesa del mio turno ho pianto, perché ho visto tutta questa ignoranza a Palermo». Succede anche questo quando si ha a che fare con gli uffici comunali. A raccontare un ordinario caso di discriminazione razziale è il palermitano Francesco Passantino, esperto di informatica e comunicazione tecnologica. In un post su Fb, rivolto al sindaco Leoluca Orlando, Passantino ha raccontato un episodio, forse piccolo ma certamente significativo, avvenuto alla postazione decentrata Noce-Malaspina del Comune di Palermo.

«Due persone a turno prima di me, palermitani originari dello Sri Lanka, sono state mandate via perché “le pratiche per gli stranieri fanno perdere tempo” – narra – Ho chiesto spiegazioni, il commesso mi ha risposto che “il personale è ridotto, e fare le pratiche per gli stranieri vi danneggia”. Mi sono ribellato, …
Leggi anche altri post su palermo o leggi originale
Storia di un ordinario caso di razzismo al Comune. «Le pratiche per gli stranieri fanno perdere tempo»


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, privo di intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer