Proposte di lavoro o nuove forme di schiavismo?. «Chi accetta non è bisognoso, ma un complice».

«Schiavi 2.0». Sono quelli che oggi si accollano proposte di lavoro al limite dello schiavismo. Le migliori arrivano spesso da chi gestisce piccole attività, dai bar ai panifici, o da quei privati che cercano qualcuno che faccia da badante – nella migliore delle ipotesi -, a un proprio caro. Tante ore, a volte anche più di dieci, per paghe davvero misere. Alle quali molti reagiscono con indignazione, mentre altri si trovano costretti ad accettare. I nuovi schiavi, appunto, sono proprio loro. «Cerchiamo una banconista anche prima esperienza per banco pane che sia responsabile, con tanta voglia di lavorare e imparare – …
Leggi anche altri post su palermo o leggi originale
Proposte di lavoro o nuove forme di schiavismo?. «Chi accetta non è bisognoso, ma un complice».


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, privo di intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer