Pecora Elettrica, dopo il rogo si regalano libri. Iniziativa stasera all’edicola dei Quattro Canti

Cosa vuol dire bruciare i libri? Un gesto simbolico fortissimo che ha chiari rimandi storici e allo stesso tempo un modo per zittire, escludere, relegare gli altri nello spazio di ciò che può essere conosciuto. Vuol dire anche intimidire, o provarci, come nel caso della libreria Pecora Elettrica di Roma. Bruciata la prima volta, rinata dalle sue ceneri e data alle fiamme una seconda, il giorno prima della agognata riapertura, quando tra i suoi scaffali erano tornati i libri. 

Anche a Palermo c’è chi pensa che bruciare i libri sia sinonimo di «fascismo, censura, i libri fanno paura perché presuppongono l’esercizio del pensiero e attenzione», spiega Stefania Galegati Shines. Lei insieme ad altri due artisti, Andrea Masu e Valentina Greco, sta portando avanti un’iniziativa: regalare libri a chiunque passi all’edicola dei Quattro Canti questa sera. Bisogna venire muniti di …
Leggi anche altri post su palermo o leggi originale
Pecora Elettrica, dopo il rogo si regalano libri. Iniziativa stasera all’edicola dei Quattro Canti


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, privo di intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer