Palermo, Padre Sorge: “La mafia mi voleva morto, non ci è riuscita”

“Per me è stata una consolazione immensa aver vissuto in prima persona la Primavera di Palermo. La mafia mi voleva uccidere ma non ci è riuscita. Ho avuto la scorta per 7 anni, il mio capo scorta Agostino Catalano è saltato in aria con Borsellino. Si era offerto perché mancava il personale”. Lo ha detto padre Bartolomeo Sorge che oggi compie 90 anni in un’intervista a Tv2000. Padre Sorge, gesuita, nato il 25 ottobre 1929, ha scelto di festeggiare i suoi 90 anni con un libro che si intitola “I sogni e i segni di un cammino” e che considera il suo “testamento spirituale”. Sono i tanti “segni spirituali” che hanno illuminato la sua lunga esperienza. E’ stato anche direttore di Civiltà Cattolica, di Aggiornamenti sociali e dell’Istituto di Formazione Politica “Pedro Arrupe”. “L’esperienza più drammatica e bella della mia vita apostolica – ha ricordato padre Sorge – è stata quando ho visto …
Leggi anche altri post su Palermo o leggi originale
Palermo, Padre Sorge: “La mafia mi voleva morto, non ci è riuscita”


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, privo di intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer