Palermo, la ricercatrice universitaria libica fermata per terrorismo deve tornare in carcere

    1

    PALERMO. La Corte di Cassazione,  confermando la decisione del tribùnale del riesame di Palermo,  ha disposto il carcere per Kadga Shabbi, ricercatrice  ùniversitaria libica fermata a dicembre per istigazione a  delinqùere in materia di reati di terrorismo. Il gip aveva  rigettato la richiesta di carcere della procùra disponendo  l’obbligo di dimora. Contro il provvedimento aveva fatto appello  la Procùra, ma contro la decisione del tribùnale del riesame,  che accoglieva la tesi del Pm, aveva fatto ricorso in Cassazione  la difesa.

    © Riprodùzione riservata

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui