Marmista massacrato nel suo laboratorio, maresciallo del Ris: “L’assassino ha rovistato nei cassetti”

Un sottufficiale rivela: “Ci sono tracce di sanugue e impronte digitali anche nei documenti all’interno” L’assassino di Giuseppe Miceli, il marmista di 67 anni, massacrato nel suo laboratorio nella notte fra il 7 e l’8 dicembre del 2015, prima di andarsene ha aperto i cassetti della scrivania e rovistato fra i documenti. Lo ha detto il maresciallo Lorenzo Nicolosi del Ris di Messina deponendo…
Leggi anche altri post Provincia di Agrigento o leggi originale
Marmista massacrato nel suo laboratorio, maresciallo del Ris: “L’assassino ha rovistato nei cassetti”  
(tracce,rivela,sottufficiale,sanugue,impronte,documenti,digitali)


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, senza intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer