Notizie

Mafia, Marsala: per Centonze arriva la confisca dei beni. Tre milioni di euro 


 Arriva la confisca dei beni per il marsalese Pietro Centonze. Il valore stimato dei beni è di 3 milioni di euro. Il sequestro dei beni per Centonze era scattato nel 2017 (ne parliamo qui). 

Centonze, arrestato nel 2002 nell’ambito dell’operazione antimafia di Polizia «Progetto Peronospera», è stato condannato con sentenza definitiva della Corte di Appello di Palermo a due anni e sei mesi di reclusione perchè riconosciuto colpevole del crimine di favoreggiamento aggravato nei confronti di boss latitanti. L’uomo è stato assolto per il duplice omicidio degli extracomunitari Alì Essid e di Rafik El Mabrouk, avvenuto il 3 Giugno 2015 a Marsala.

Questo il comunicato di Questura e Finanza:

Personale della Guardia di Finanza in forza al Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria di Trapani e della Polizia di Stato in servizio presso la Divisione Anticrimine della Questura di Trapani nei giorni passati ha dato esecuzione – in Marsala – al decreto di confisca n.43/2020 R.M.P. emesso dal Tribunale di Trapani – Sezione Misure di Prevenzione, nei confronti di CENTONZE Pietro cl. 69, ex sorvegliato speciale della P.S. e già destinatario di un provvedimento di sequestro preventivo emesso dalla medesima A.G.

 » 

Show More