Notizie

La polizia passa a setaccio Librino Spariti i pusher dopo la sparatoria

CATANIA – Dopo le riunioni del Comitato per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica in Prefettura e i diversi Tavoli Tecnici in Questura, nella serata di alcuni giorni fa ha avuto luogo un massiccio servizio di controllo del territorio nel quartiere di Librino, teatro della recente sparatoria che ha causato due deceduti e diversi feriti.

Sono stati dipendenti equipaggi del X Reparto Mobile, della Questura, del Commissariato Librino, del Reparto Prevenzione crimine Sicilia Orientale, dei Militari dell’arma, della Guardia di Finanza, collaborati dai Cinofili antidroga dell’UPGSP e dagli Artificieri. A documentare tutto una Squadra Sopralluoghi della Polizia Scientifica che ha ripreso le varie fasi dei controlli.

L’intervento si è dispiegato con l’organizzazione di una serie di posti di controllo che hanno interessato i luoghi “caldi” di passaggio di chi va a comprare droga, specie in questi giorni di ferragosto.

Nell’insieme, sono state identificate e controllate oltre 150 persone e 80 veicoli; decine sono state le infrazioni al Codice della strada, con oltre 10.000 euro di sanzioni; decine pure i sequestri/fermi amministrativi di veicoli.

Ma l’attenzione dei poliziotti è stata rivolta oltretutto al traffico di stupefacenti, i cui gestori – quei pusher che per l’occasione sono “magicamente spariti” – ne nascondono dosi e piccole quantità in deposito, pronte allo spaccio, nei luoghi più impensati. È stato così che, grazie al fiuto dei cani antidroga, sono stati rinvenuti, nel vano ascensore di uno stabile di viale Grimaldi, ben 55 dosi di marijuana (circa 100 grammi) e 38 di di cocaina per un peso di circa 11 grammi.

A “complemento” di questi servizi straordinari, l’attività quotidiana del Commissariato Librino, ha permesso di scoprire un pluripregiudicato ch

Approfondisci

Tags
Show More

Related Articles

Back to top button
Close
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker