“Io, pacifista in trincea”, nel libro autobiografico di Vincenzo D’Aquila le atrocità della guerra

Pochissimi conoscono Vincenzo D’Aquila, un palermitano del 1892 emigrato con la sua famiglia in America. Ma che dal Nuovo Continente tornò al suo Paese nel 1915 per arruolarsi volontario nell’esercito italiano e combattere la Grande Guerra.

La sua è una storia davvero singolare e potremo conoscerla grazie a uno studioso, Claudio Staiti, dottorando di ricerca in Storia Contemporanea all’Università di Messina, che ha tradotto il libro di Vincenzo D’aquila “Bodyguard Unseen. A true autobiography”.

Quel volume autobiografico, che raccontava le sue vicissitudini durante la grande Guerra, Vincenzo …
Leggi anche altri post su » Oltre lo stretto o leggi originale
“Io, pacifista in trincea”, nel libro autobiografico di Vincenzo D’Aquila le atrocità della guerra


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, privo di intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer