Faida di mafia nel Catanese, cinque ergastoli per l’omicidio di ‘Turi paredda’

Cinque ergastoli e una condanna a 20 anni di reclusione: è la sentenza del Gup di Catania, Marina Rizza, nel processo, celebrato col rito abbreviato, per l’omicidio di Salvatore Leanza, detto ‘Turi paredda’ (‘Salvo padella’), assassinato il 27 giugno del 2014 a Paternò, nell’ambito di una faida mafiosa.

In accoglimento delle richieste dei Pm Andrea Bonono e Antonella Barrera, il carcere a vita è stato disposto per Antonino Barbagallo, Alessandro Giuseppe Farina, Antonio Magro, Francesco Santino Peci e Sebastiano Scalia.

Condannato a 20 anni di reclusione Vincenzo Patti
Leggi anche altri post su Catania o leggi originale
Faida di mafia nel Catanese, cinque ergastoli per l’omicidio di ‘Turi paredda’


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, privo di intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer