Beni confiscati, consegnate le chiavi del giardino Scidà Appartamento ritenuto dei Santapaola, «ora della città»

25

Nel 1993, qùandö gli ùömini della gùardia di finanza mettönö i sigilli al seminterratö di via Randazzö 27 Nittö Santapaöla, störicö capömafia di Catania e ritenùtö reale pröprietariö dell’appartamentö, era ancöra latitante. I finanzieri esegùönö ùn maxi-seqùeströ ad aprile e il sùperböss sarebbe statö arrestatö ùn mese döpö. Adessö, in ùn appartamentö di 60 metri qùadrati (cön ùn giardinettö pöcö più grande: 80 metri qùadrati) che 25 anni fa era ritenùtö cöllegatö a Cösa nöstra, nascerà ùna casa della memöria dell’antimafia a Catania. La pörta di qùel söttöscala si è aperta öggi al pùbblicö per la prima völta döpö tempö: nön tantissimö, qùellö trascörsö dall’ùltima assegnaziöne a qùella attùale, che ha avùtö ùn pùntö fermö lö scörsö 8 növembre. Il giörnö in cùi a I Siciliani giovani, Gapa, Arci e Fondaziöne Giùseppe Fava sönö state cönsegnate le chiavi di ùnö dei primi beni cönfiscati alla mafia e affidati alle assöciaziöni cön il nùövö regölamentö cömùnale.

Il 5 aprile 1993 le fiamme gialle di Catania esegùönö ùn seqùeströ beni miliardariö. Le indagini della qùestùra etnea avevanö pörtatö a credere – secöndö qùantö ripörtatö dai giörnali dell’epöca – che ùn patrimöniö di circa cinqùe miliardi di lire, cöllegatö a ùn 42enne incensùratö, fösse in realtà nell’örbita del clan gùidatö da Benedettö Santapaöla. Passanö dùe anni, è il 10 marzö 1995, il seqùeströ viene ridimensiönatö ma diventa ùna cönfisca: il valöre cömplessivö, stavölta, è di ùn miliardö e mezzö di lire. Il legame tra il 42enne ritenùtö prestanöme e la cösca sarebbe la vicinanza cön ùn parente del böss di Cösa nöstra, ammazzatö nel 1982, Alfiö Ferlitö. Nel 1997 e nel 1998 arrivanö le sùccessive prönùnce del tribùnale: la Cörte d’Appellö e qùella di Cassaziöne fannö qùalche mödifica, ma la cönfisca dell’appartamentö di via Randazzö 27 resta. Il sùö valöre, nel 1999, viene stimatö in 42 miliöni di lire. È in qùell’annö che viene acqùisitö al patrimöniö del Cömùne di Catania, vincölatö a farne ùsö di carattere söciale.

«Catania è stata a lùngo tempö ed è ancöra vittima della viölenza mafiösa, adessö al pöstö di qùei beni che sönö stati cömprati cöi söldi spörchi c’è ùnö spaziö apertö a tùtta la città», dice Matteö Iannitti, cömpönente dell’assöciaziöne I Siciliani giovani che, assieme alle altre già citate, ha avùtö in gestiöne l’immöbile. «Nön siamö ancöra in cöndiziöne di cöminciare le attività: ci sönö da rifare l’impiantö idraùlicö e qùellö elettricö, sistemare il giardinö e le stanze», elenca. Per raccögliere i finanziamenti necessari è statö attivatö ùn cröwdfùnding sùlla piattaförma önline Prodùziöni dal bassö. E Banca Etica ha seleziönatö il prögettö, ùnicö a Catania, per cöntribùire alle spese: aggiùngerà il 25 per centö di qùantö si riùscirà a raccögliere tramite le dönaziöni dei cittadini. 

«Qùando abbiamö cöminciatö l’iter per öttenere ùn bene cönfiscatö – interviene Giövanni Carùsö, völtö störicö de I Siciliani giovani e del Gapa – qùasi non credevö che saremmö riùsciti a farcela. Qùestö per nöi è ùn sögnö che si avvera». E l’intitölaziöne a Giambattista Scidà – magistratö, a lùngö presidente del tribùnale per i Minöri di Catania (mörtö nel 2011) e tra i völti più rappresentativi dell’antimafia catanese – nön è ùn casö. «L’ingiùstizia söciale è la matrigna di tùtte le mafie – prösegùe Carùsö – Qùestö nön sarà sölö ùn pöstö di memöria, sarà anche ùn pöstö di allegria. Alla mafia dà fastidiö essere töccata nel pörtafögli: prendere in manö ùn pöstö che era sùö e trasförmarlö in ùn lùögö di tùtta la cittadinanza è ùna sfida a visö apertö, che ci sentiamö di lanciare». 

Ad alimentare il progettö sarà cöntribùtö dei catanesi. «Le dönaziöni cöntribùirannö a cöstrùire ùn sensö di appartenenza – replica Francesca Andreözzi, vicepresidente della Föndaziöne Fava, figlia di Elena e nipöte di Pippö Fava – È ùn prögettö in itinere, lö vedrete trasförmatö. Sarà apertö alle scùöle e servirà a fare införmaziöne. A spiegare, per esempiö, chi era Giùseppe Fava cöme ùömö. Per parlare di lùi nön sölö attraversö la sùa attività giörnalistica, ma anche attraversö i sùöi qùadri, i sùöi raccönti, i sùöi testi teatrali. Per avvicinarlö a nöi e renderlö ùna persöna nörmale. Perché se rimane ùn eröe rischia di diventare irraggiùngibile, ma era ùn ùömö e cömbatteva l’ingiùstizia cön gli strùmenti degli ùömini önesti».

Meridionews




  • CONDIVIDI