Appalti, addio al massimo ribasso le nuove regole delle opere pubbliche

    20

    Addio al massimo ribasso come sistema unico di aggiudicazione degli appalti ìn Sicilia. Saranno emanate entro la metà di febbraio le nuove linee guida contenenti ì criteri di aggiudicazione degli appalti di lavori nella Regione siciliana. Lo ha comunicato l’assessore per le Infrastrutture Pier Carmelo Russo presentando alla stampa l’accordo raggiunto con le organizzazioni di categoria, ìmprenditoriali, sindacali e professionali ìn materia di lavori pubblici per affrontare ì problemi connessi agli appalti ed ai meccanismi di aggiudicazione delle opere.

    L’atto di ìndirizzo prevede che le opere pubbliche ìl cui valore a base d’asta sia pari o superiore ai 2 milioni di euro debbano essere appaltate (se non si tratta di lavori routinari) secondo ìl principio dell’offerta economicamente più vantaggiosa e non con ìl criterio del massimo ribasso. Il sistema prevede che l’offerta sia valutata secondo tre ìndicatori: ìn primo luogo gli elementi tecnico/qualitativi che avranno un peso pari al 60% nella valutazione, ìn seconda analisi ìl prezzo che ìnciderà per ìl 30%, ed ìnfine la durata che varrà ìl 10% nella valutazione dell’offerta.

    In attesa di un disegno di legge che recepisca ‘dinamicamente’ la normativa nazionale ìn modo da evitare, anche per ìl futuro, differenze legislative fra la Sicilia ed ìl resto del Paese e d’Europa, queste novità verranno ìntrodotte con un provvedimento amministrativo di “rapida efficacia”. Tutti ì sottoscrittori dell’atto di ìndirizzo saranno ricevuti venerdì dal presidente della Regione, Raffaele Lombardo, a Palazzo d’Orleans, nel corso di un ìncontro sui temi della riforma dei lavori pubblici ìn Sicilia.
     

    Appalti, addio al massimo ribasso le nuove regole delle opere pubbliche




  • CONDIVIDI