Antonio Nicaso presenta “La mafia spiegata ai ragazzi”

    347

    E’ con grande entusiasmo che i giovani di “Addiopizzo Jr” hanno accolto ieri, al Kursaal Kalhesa di Palermo, Antonio Nicaso per la presentazione del suo nuovo libro “La mafia spiegata ai ragazzi”.

    Accanto al giornalista e scrittore italo-canadese c’era il procuratore aggiunto della Dda di Reggio Calabria Nicola Gratteri, che ha spiegato ai giovani, con parole semplici ed esempi concreti, perché conviene stare dalla parte della legalità.

    “La storia giudiziaria ci ha insegnato che chi entra nelle mafie come picciotto, morto di fame per acquisire potere e denaro, ne esce comunque morto di fame.
    A guadagnare nelle organizzazioni criminali – ha spiegato Gratteri.
    magistrato che da oltre venti anni si occupa di lotta alla ‘ndrangheta – sono solo pochi boss, tutti gli altri sono portatori di acqua e spesso finiscono in carcere o vengono uccisi”.

    L’incontro, durante il quale sono intervenuti i giovani del comitato Addiopizzo, è stato moderato da Anna Maria Santoro che ha ripercorso le tappe del movimento antiracket in Sicilia.
    “La Mafia spiegata ai ragazzi”, pubblicato da Mondadori, racconta nel modo più semplice possibile i riti, le consuetudini, gli affari, i crimini le collusioni di cosa nostra, ‘ndrangheta, camorra e delle altre mafie e internazionali, dalle “triadi” cinesi ai clan russi, dai cartelli colombiani e messicani, alle mafie nigeriana ed albanese.

    Nel libro, Nicaso ricorda Giovanni Falcone a Paolo Borsellino, don Pino Puglisi a don Giuseppe Diana, e altre vittime innocenti nella lotta alla mafia perché il loro sacrificio sia da esempio per le nuove generazioni.
    Parlando dei giovani di Addiopizzo, Antonio Nicaso ha detto che “bisognerebbe clonarli”.
    “L’esperienza del movimento antiracket in Sicilia è impensabile in altri paesi,  invece andrebbe esportata come modello in tutto il mondo – ha sottolineato Nicaso – perchè purtroppo l’antimafia non è riuscita a globalizzarsi quanto la mafia”.
    Fotogallery




  • CONDIVIDI