«A Palermo il lavoro c’è…se accetti di essere schiavo». In casa famiglia dalle 7 alle 20 per circa 2 euro l’ora.

«A Palermo il lavoro c’è, ma solo se sei disposto ad essere schiavizzato». È difficile dare torto a questo utente che si sfoga su Facebook, se la succulenta offerta di lavoro consiste in 13 ore da trascorrere in una casa famiglia, dalle 7 alle 20, per un compenso mensile di 450 euro. Ma attenzione: si lavora solo a giorni alterni, mica tutta la settimana. Il che significa, ipotizzando, che se la richiesta di questo datore di lavoro fosse quella di lavorare un giorno sì e l’altro no, avremmo quattro giorni lavorativi su sette. Quindi, 52 ore a settimana per circa 208 in un mese. Quelle tredici ore si trasformano, insomma, in poco più di 2 euro l’ora di compenso. È l’ennesima proposta per chi cerca un impiego nel capoluogo siciliano. E questa volta sbandierata pubblicamente nel noto …
Leggi anche altri post su palermo o leggi originale
«A Palermo il lavoro c’è…se accetti di essere schiavo». In casa famiglia dalle 7 alle 20 per circa 2 euro l’ora.


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, privo di intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer