Mappa delle chiese dopo il sisma di Santo Stefano. Tra lentezza e i fondi della Conferenza episcopale

La forte scossa di terremoto del 26 dicembre 2018 lascia ancora i segni. I privati lamentano al governo centrale i disagi dovuti alla sistemazione delle loro case e alcune strade sono ancora chiuse. Non meno importante è la situazione delle chiese. Nei luoghi simbolo del sisma, diverse sono le comunità che registrano la chiusura degli edifici di culto.

Il punto sugli edifici della diocesi di Catania
L’area retta del vescovo Salvatore Gristina fotografa una situazione di stallo momentaneo. Le parrocchie di Zafferana, Pisano e
Leggi anche altri post su catania o leggi originale
Mappa delle chiese dopo il sisma di Santo Stefano. Tra lentezza e i fondi della Conferenza episcopale


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, privo di intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer