La mani di Cosa nostra sull’ippodromo, le corse truccate e le ‘legnate’: condannati in 4


La mani di Cosa nostra sull’ippodromo, le corse truccate e le ‘legnate’: condannati in 4
Si chiude il troncone in abbreviato del processo nato dall’inchiesta “Corsa nostra” di dicembre 2018. Un quinto imputato, Rosario Profeta, è stato del tutto scagionato. Pene pesanti anche per Domenico Zanca e Sergio Napolitano, entrambi nuovamente arrestati nel maxi blitz di martedì contro il clan dell’Acquasanta

La mani di Cosa nostra sull’ippodromo, le corse truccate e le ‘legnate’: condannati in 4

visita la pagina