Il naufragio a Lampedusa, ricerche solo aeree: le urla disperate dei bambini

Le operazioni di ricerca degli eventuali dispersi del naufragio di ieri a Lampedusa “proseguono con l’impiego di mezzi aerei della Guardia Costiera e di Frontex”. Le attuali condizioni meteo marine, sottolinea il comando generale della Guardia Costiera, sono infatti in continuo peggioramento, con onde alte fino a 4 metri.
Le urla disperate dei bambini, le richieste di aiuto – altrettanto struggenti – di uomini e donne finiti in mare, sabato scorso, ad un miglio circa dall’isola dei Conigli di Lampedusa. La Guardia costiera ha diffuso alcune immagini dei momenti successivi al naufragio e dei tentativi disperati dei militari di portare in salvo tutti: cominciando dai banbini. E ad ogni migrate issato sulla motovedetta, gli stessi militari tiravano un sospiro di sollievo. Scene che hanno immortalato anche il lavoro eccezionale, fatto con il cuore, degli uomini della Guardia costiera che sono riusciti a salvare 149 persone, fra cui un bimbo …
Leggi anche altri post su Agrigento o leggi originale
Il naufragio a Lampedusa, ricerche solo aeree: le urla disperate dei bambini


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, privo di intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer