Femminicidio nel palermitano: convalidato fermo

l gip del tribunale di Palermo, Cristina Lo Bue, ha convalidato il fermo ed emesso ordine di custodia cautelare in carcere verso di Antonino Borgia, 51 anni, il piccolo imprenditore di Partinico (Palermo) incolpato dell’omicidio di Ana Maria Di Piazza, la trentenne incinta uccisa venerdi’, al culmine di una lite. Il giudice ha accolto le richieste del procuratore aggiunto Annamaria Picozzi e del sostituto Chiara Capoluongo. Borgia, amante della ragazza (di origini rumene, ma adottata quando era una bambina) ha confessato l’omicidio, dando pero’ una propria versione dei fatti e accusando la giovane signora di averlo ricattato. Lei sarebbe stata incinta e avrebbe invocato la pieta’ dell’uomo, che invece l’avrebbe brutalmente assassinata. E’ in corso l’autopsia per verificare se veramente Ana Maria fosse incinta: secondo Borgia, l’amante gli avrebbe rivelato di aspettare un figlio da lui, minacciando di rivelare …
Leggi anche altri post su Palermo o leggi originale
Femminicidio nel palermitano: convalidato fermo


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, privo di intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer