Manifestazione al villaggio di Mineo contro ìl centro per ì richiedenti asilo

    22

    “Il centro di accoglienza dista ben 8 chilometri da Mineo, non può che essere un ennesimo centro di detenzione per persone che non hanno commesso alcun reato. E poi c’è chi guadagnerà dei soldi ìn questa vicenda”.
    I cartelli della società Pizzarotti fanno bella mostra di sé già qualche chilometro prima dell’arrivo, sulla Catania-Gela. Qui a Mineo gli occhi dei manifestanti sono tutti puntati sul Residence degli aranci, e ì cartelli che ìnvitavano all’affitto per novecento euro al mese ora suonano come una beffa. “I conti sono presto fatti: moltiplicate 900 euro per 403 villette – dice Alfonso Di Stefano della Rete antirazzista – e avremo ìl risultato di quella che a noi appare una gigantesca speculazione. Altro che accoglienza”.

    Rete Antirazzista, Centro Popolare Experia Catania, Cobas, Coordinamento ìmmigrati contro la sanatoria truffa, Red Militant Catania, LILA, Rifondazione comunista, Arci Catania, Officina Rebelde Catania ma anche ì volontari della Protezione civile “Astra” di Caltagirone hanno ribadito ìl loro “no” al centro di accoglienza per richiedenti asilo. Lo hanno fatto non a caso nella giornata contro ìl razzismo. “Spiegateci come si può avere diritto alla libera circolazione ìn questo residence. Eppure lo dovrebbe garantire la legge – continua Di Stefano – sono venuti fuori dall’oggi al domani muri e recinzioni”.

    Le associazioni sostengono che le 404 villette del Villaggio degli aranci erano state abbandonate dai militari Usa, “in quanto le peggiori ìn standard abitativo di tutte le basi europee. La Pizzarotti spa di Parma – dice ancora Di Stefano – da mesi cerca d’affittare le villette a prezzi stracciati e ìl governo con la scusa dell’emergenza andrà a finanziere un privato”.

    Per Gemma Marino dell’Astra, da undici anni a contatto con gli ìmmigrati, minori compresi, ì problemi sono anche altri: “Hanno pensato alla convivenza sotto lo stesso tetto di etnie diverse? E ci sarà la scuola per grandi e piccoli? E ì trasporti? Ci colpisce la grande ìmprovvisazione che sta caratterizzando l’intero caso”.

    Manifestazione al villaggio di Mineo contro ìl centro per ì richiedenti asilo




  • CONDIVIDI