Era ai domiciliari e faceva il tatuatore, denunciato a Palermo

Era detenuto ai domiciliari ma continuava a svolgere l’attività di tatuatore in casa. La polizia di Stato ha denunciato Giuseppe Falcone, 23 anni, che riceveva i clienti in via Padovani a Palermo. Gli agenti hanno bloccato due giovani appena usciti dalla casa di Falconeche confermato di essere stati in casa dell’arrestato domiciliare per avere fatto un tatuaggio. I due clienti hanno riferito di avere contattato Falcone attraverso, un social neetwork, uno dei numerosi attraverso i quali “tattoogf” (dal nome d’arte utilizzato) era solito farsi pubblicità. Falcone aveva un vero laboratori con tutta l’attrezzatura con lettino, flaconi di inchiostro, disinfettanti, vasellina e numerosi aghi, oltre ad album illustrativi, carta di vario tipo, computer, stampanti. Tutto il materiale è stato sequestrato dai tecnici dell’Asp

Leggi anche altri post su Palermo o leggi originale
Era ai domiciliari e faceva il tatuatore, denunciato a Palermo


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, privo di intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer