Ztl notturna a Palermo, il bus 101 ogni 15 minuti: ma si allarga la protesta

La Ztl notturna a Palermo continua a fare discutere, dividendo la città tra favorevoli e contrari e il braccio di ferro si allarga. Intanto, il Comune e l’Amat si preparano all’avvio previsto per venerdì 31 gennaio. Sì perché, oltre ai divieti, nella zona a traffico limitato ci saranno più bus notturni in circolazione.

Alle 7 linee notturne già attive, venerdì e sabato si aggiungerà anche la linea 101, che sarà attiva 24 ore su 24. Ci saranno 6 vetture che copriranno il percorso Stazione-piazza De Gasperi lungo l’asse di via Libertà e che dovrebbero garantire una frequenza tra i 12 e i 15 minuti.  «La scommessa e lo scopo è quello di convincere le persone a prendere il bus di notte e dunque è importante che funzioni», spiega il direttore di esercizio di Amat Ferdinando Carollo.

Ma mentre il Comune si prepara al debutto della Ztl notturna, la tensione resta altissima, soprattutto fra i commercianti del centro storico, sin da subito contrari al provvedimento. Confcommercio ha annunciato un ricorso al Tar e ieri sono scesi in campo anche altri commercianti e ristoratori. Dopo Natale Giunta, ieri sono intervenuti lo chef patron del ristorante Palazzo Branciforte in via Bara all’Olivella, Gaetano Billeci, e la sua socia Teresa Dawidowska, annunciando due licenziamenti «obbligati».

La notizia completa nell’articolo di Patrizia Abbate sul Giornale di Sicilia. 

Dal Giornale di Sicilia in edicola.
Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale