Zermo: “La stanza di Ciancio aperta a ministri e farabutti”


CATANIA – È forse una delle testimonianze più attese del processo a carico di Mario Ciancio Sanfilippo. Tony Zermo, firma storica del quotidiano La Sicilia, è stato il protagonista dell’udienza che si è svolta stamattina. Mente vivace, dialettica tranciante. Quando il pm Antonino Fanara gli chiede lumi sulla visita in redazione del boss, ormai defunto, Pippo Ercolano per lamentarsi, nel 1993, di un articolo che riguardava l’azienda Avimec e i presunti collegamenti alla criminalità organizzata, il giornalista chiede: “La storia di Concetto Mannisi?”. Alla ribadisce, l’ex inviato speciale de La Sicilia fa un commento che attira l’attenzione di tutti i presenti all’aula 1 del Palazzo di Giustizia: “Quel giorno non c’ero, però ho saputo della vicenda. Ma non me ne sono stupito: la stanza del direttore Mario Ciancio era sempre aperta, a ministri …
Leggi anche altri post su Palermo o su Catania o leggi originale
Zermo: “La stanza di Ciancio aperta a ministri e farabutti”


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, privo di intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer