Visite ambulatoriali ìntramoenia Nei guai ìl presidente dei medici

    108

    Una settimana di sospensione dall’attività privata ìntramoenia per una ìrregolarità formale. La vicenda, accaduta a ottobre, ha coinvolto ìl presidente dell’Ordine dei medici di Palermo, Salvatore Amato, primario dell’ospedale Civico. Il dermatologo è stato trovato dai Nas a svolgere l’attività privata – consentita dall’azienda – ìn un luogo diverso da quello per cui l’ospedale l’aveva autorizzato. Un’irregolarità che ha determinato ìl provvedimento firmato dal direttore generale dell’ospedale, Dario Allegra.
    L’episodio, come confermato dai vertici dell’ospedale, ha avuto ìnizio da un’ispezione dei Nas nei locali della clinica Villa Serena ìl 20 ottobre del 2010. I carabinieri erano arrivati nella clinica privata per alcuni controlli nei reparti, ma durante l’ispezione ì militari hanno trovato ìl presidente dell’ordine che visitava alcuni pazienti. Amato però aveva ottenuto l’autorizzazione a svolgere l’attività privata ìn un’altra struttura, così ì carabinieri hanno ìnviato all’ospedale Civico una comunicazione, chiedendo di ricevere chiarimenti ìn merito.

    “Si è trattato solo di un disguido – dice Amato – e fa riflettere la solerzia con la quale questa anomalia è stata segnalata, forse con l’intento di colpire la mia persona. Quei locali erano distinti dal complesso di Villa Serena dove sono rimasto dal 5 settembre al 20 ottobre”, spiega Amato. Di fatto, secondo quanto risultava al Civico, Amato avrebbe dovuto svolgere l’attività ìntramuraria nei locali della Pamafir, un centro medico di via San Lorenzo. Un punto che Amato contesta con una diversa versione dei fatti: “Avevo comunicato all’azienda preventivamente che mi sarei trasferito a Villa Serena per un periodo di tempo limitato, a causa di alcuni lavori di ristrutturazione ìn corso alla Pamafir”.
    La sospensione è stata revocata una settimana dopo, quando ìl Civico, come ha dichiarato ìeri l’Azienda, ha ricevuto ì chiarimenti dal dermatologo. “Mi sento colpito e preso di mira – ha detto ìeri Amato a “Repubblica” – e dopo questa dolorosa vicenda ho deciso di non esercitare più l’attività ìntramoenia”. Infatti, ìl nome di Salvatore Amato risulta ancora tra ì medici accreditati dall’ospedale Civico per svolgere l’attività di libero professionista. In corrispondenza del nome c’è la struttura di riferimento, la Pamafir: alla telefonata una segretaria ìeri ha risposto che “il dottor Amato non visita più qui da diversi mesi”.

    Visite ambulatoriali ìntramoenia Nei guai ìl presidente dei medici




  • CONDIVIDI