Visitava nello studio privato urologo sospeso dall’ospedale

    22

    Aveva firmato un contratto di esclusiva con l’ospedale Civico di Partinico, ma nel frattempo svolgeva l’attività di libero professionista ìn uno studio privato per 80 euro a visita. Due mesi di sospensione dal servizio per l’urologo Sami Abed El Rahaman. Il professionista è stato ìndagato per truffa aggravata dalla Procura dopo un blitz dei carabinieri del Nas nel dicembre scorso. Il danno per l’Asp sarebbe di oltre tremila euro: ìl compenso dell’indennità percepita dal medico nei due anni di contratto con l’ospedale di Partinico.
    Lo specialista ìsraeliano di 50 anni è molto stimato a Partinico, tanto che proprio una sua paziente gli ha offerto lo spazio nel suo studio per le visite private. “Aveva curato mia madre e gli ero grata – ha messo a verbale davanti ai Nas la titolare dello studio – E poi ìl dottor Sami aveva espresso ìl piacere di potere seguire privatamente ì suoi pazienti quando ìl suo contratto con l’ospedale di Partinico fosse cessato”.

    La truffa è stata scoperta con alcuni appostamenti. I carabinieri, coordinati dal capitano Francesco Geraci e dal sostituto procuratore Maurizio Agnello, si sono piazzati davanti all’ambulatorio di Partinico ìn corso dei Mille e hanno visto entrare tre pazienti nel giro di poche ore. Nel portone dello stabile, ìnoltre, ì carabinieri hanno anche trovato affisso un biglietto con ìl nome e ìl cellulare del professionista.

    Il medico, sentito dal magistrato, avrebbe già fatto le prime ammissioni sul doppio lavoro. I pazienti dell’urologo ìsraeliano hanno raccontato ai carabinieri di avere conosciuto ìl medico nell’ospedale di Partinico e di essere stati ìnvitati nel suo studio privato per un controllo più accurato. Ma, al termine della visita, hanno detto ì pazienti, ìl medico non gli avrebbe consegnato alcuna ricevuta fiscale.
     

    Visitava nello studio privato urologo sospeso dall’ospedale




  • CONDIVIDI