Unipa, per 16 studenti due settimane in Tunisia. «Sembra una grossissima Sicilia, solo più antica»

Un viaggio-studio lungo due settimane in Tunisia: un’esperienza che 16 studenti dell’università di Palermo non dimenticheranno facilmente. Sono gli iscritti di Scienze della Comunicazione, che hanno vinto una borsa di studio a soggiorno breve, per due settimane di lezioni di lingua, grammatica e conversazione araba. La più grande sfida sembra però un’altra: capire i meccanismi di Tunisi, inserirsi in una società completamente sconosciuta, insolita, a tratti spartana. Ad accogliere i sedici studenti, tra dolcetti tipici in pasta di mandorle, caffè e succhi di frutta, è il rettore dell’università di Tunisi El Manar, Fethi Sellaouti. L’aula, di norma adibita alle riunioni del rettorato, brulica di gioventù straniera. 

Leggi anche altri post su palermo o leggi originale
Unipa, per 16 studenti due settimane in Tunisia. «Sembra una grossissima Sicilia, solo più antica»


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, privo di intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer