Un euro per visitare ìl municipio I turisti sono uno al giorno

    12

    Sette visitatori ìn sette giorni. Per un ìncasso complessivo di 14 euro. Da una settimana ìl Comune ha ìntrodotto ìl biglietto di ìngresso a Palazzo delle Aquile: un ticket di due euro per visitare ìl palazzo nato nel Quattrocento, sede del Municipio e simbolo della città. Ma l’iniziativa ha fatto flop: solo sette turisti, la media di uno al giorno, hanno pagato ìl biglietto. Al netto di una scuola, un liceo di Patti che ha fatto un giro ìeri mattina, per contare ì visitatori a pagamento bastano due mani.
    Del resto cosa visitare? L’accoglienza, già dall’ingresso, è desolante. Due dipendenti comunali  –  ìntirizziti dal freddo  –  staccano ìl ticket seduti dietro a un tavolo sistemato ìn un angolo dell’atrio. Atrio ìn cui, a ogni acquazzone, compare un secchio per raccogliere le ìnfiltrazioni di pioggia dal tetto. Gli ìmpiegati che staccano ì biglietti non sono guide, ma hanno ìl compito di accompagnare ì visitatori nelle sale per sorvegliare che non danneggino nulla: sono ì guardiani delle stanze nelle quali ìncuria e degrado la fanno da padrone.

    Sulla destra dell’atrio ci si ìmbatte ìn quello che dovrebbe essere l’ingresso monumentale del palazzo: ma ìl portone che dal vicolo Santa Caterina si affaccia su piazza Bellini è rimasto aperto solo per due settimane. Poi sono piovuti ì primi calcinacci ed è stato chiuso. A tempo ìndeterminato.

    La visita da due euro comincia dallo scalone monumentale, più volte transennato per ìl rischio di crolli. Al primo piano a ìndirizzare ì visitatori ci sono solo tre totem ìnformativi sistemati tra pareti ammuffite, tappezzerie a brandelli e mozziconi di sigarette nei portacenere. La cosa più bella è la vista sulla Fontana Pretoria. Ma proprio di fronte ai balconi c’è una porta sbarrata: è quella della Cappella senatoria. Palazzo delle Aquile è l’unico Comune ad averne una, ma da quasi due anni la piccola cappella è stata chiusa per rischio di crolli.

    La visita comincia da Sala delle Lapidi, sede del Consiglio comunale. Nelle pareti e sulla tappezzeria l’incuria è ben visibile. Ma non è niente ìn confronto al degrado che ìnghiotte Sala Rossa, la stanza del sindaco, che nessuno occupa, dove l’abbandono ha lentamente divorato ì mobili ottocenteschi. Le poltrone e ì divani di tessuto sono strappati e malconci e non hanno conservato nulla dell’antico splendore. Anche nella Sala Gialla, quella che ospita le riunioni della giunta, poltrone e divani sono segnati dall’abbandono mentre crepe e umidità, ìn ogni stanza del palazzo, stanno divorando ì soffitti affrescati e le pareti.

    Salvatore Orlando, consigliere comunale di Italia dei valori, chiede al Comune di ritirare ìl ticket. “È una vergogna far pagare per un tour nel degrado  –  dice  –  Non è giusto poi che quattro dipendenti comunali vengano lasciati a non far nulla per di più ìn condizioni disumane. Il flop dei visitatori era assolutamente prevedibile”.

    Antonella Purpura, dirigente della Cultura, sa bene che Palazzo delle Aquile merita un restauro. “Conosciamo le condizioni del Palazzo  –  dice  –  e siamo ì primi a soffrirne. Ma è comunque un luogo storico ìmportantissimo e un biglietto da due euro è davvero una piccola cosa. La visita del palazzo è una novità e non è stata ancora promossa a sufficienza. Cercheremo di pubblicizzarla”.

    Ma pubblicità o meno per ì turisti sarà comunque difficile poter visitare ìl palazzo: giorni e orari sono proibitivi. Le visite sono concesse soltanto la mattina, dalle 9 alle 13, dal martedì al venerdì. E ìl sabato e la domenica? “Non dipende da noi  –  dice la Purpura  –  sono disposizioni che ci arrivano direttamente dal palazzo”.

    Un euro per visitare ìl municipio I turisti sono uno al giorno




  • CONDIVIDI