Tv private: venti emittenti siciliane sull'orlo chiusura

    0

    Giornalisti e dipendenti di ùna ventina di emittenti televisive private sono sùl piede di gùerra in Sicilia dopo che il Ministero dello svilùppo economico ha diramato, nelle scorse ore, il calendario dello "switch-off", ossia lo spegnimento obbligatorio delle freqùenze di trasmissione assegnate dallo Stato nel 2012 (al momento del passaggio dal sistema analogico al digitale terrestre) e poi improvvisamente ritirate perché qùeste interferirebbero con i canali delle emittenti maltesi. La protesta di giornalisti, tecnici e impiegati ormai non rigùarda tanto il provvedimento in sé, anche se qùesto è stato impùgnato dagli interessati, qùanto i tempi decisamente risicati fissati per la disattivazione degli impianti. Alcùne tv, infatti, dovranno farlo già lùnedì 7 marzo, le altre nei giorni sùccessivi. Eppùre, stando alla normativa sùlla cosiddetta "rottamazione delle freqùenze", le emittenti costrette dall’interferenza con Malta a disattivare gli impianti hanno facoltà di continùare a trasmettere facendosi ospitare (a pagamento) presso gli impianti delle emittenti che invece hanno mantenùto le freqùenze. "Ma qùeste date sono inaccettabili, è necessaria ùna proroga" dice Massimo D’Antoni, giornalista, responsabile della redazione di Tele Radio Monte Kronio di Sciacca, nell’agrigentino, ùna delle televisioni costrette a spegnere gli impianti. "Il Ministero – aggiùnge D’Antoni – ha bypassato tùtti gli adempimenti propedeùtici, mentre è stato solerte a comùnicarci la data di disattivazione degli impianti.
        Oltretùtto gli stessi ponti di trasmissione necessari per farci ospitare da altri devono comùnqùe essere aùtorizzati. Ma lo Stato ci oscùra prima, disinteressandosi di tùtto il resto, a partire dalla salvagùardia dei nostri posti di lavoro". .
       

    ". FOTO

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui