> Turismo: il Covid, la crisi, le infiltrazioni. Così la mafia si insinua – Palermo 24h
notizie

Turismo: il Covid, la crisi, le infiltrazioni. Così la mafia si insinua

Turismo: il Covid, la crisi, le infiltrazioni. Così la mafia si insinua

ROMA – Supera i 2,2 miliardi, di cui quasi il 40% concentrati nel Mezzogiorno, il giro d’affari della criminalità organizzata derivante dall’infiltrazione nell’economia legale del settore turistico. Lo calcola una ricerca realizzata da Demoskopika elaborando dati ufficiali o da fonti autorevoli. Alla sola ‘ndrangheta si attribuisce il 40% del giro d’affari complessivo, e sono quasi 4.500 le aziende a maggior rischio di riciclaggio associato a crisi di liquidità causata dalla pandemia. «Il turismo in ginocchio per il Covid fa gola ai sodalizi criminali», dice il presidente di Demoskopika, Raffaele Rio. «Oltre il 13% delle imprese del comparto turistico a rischio default per effetto del Covid – spiega Rio – potrebbe subire le strategie aggressive di infiltrazione economica della criminalità organizzata. La prolungata emergenza, causata dalla pandemia, ha generato una preoccupante crisi di liquidità rendendo le imprese ancora più vulnerabili all’ingresso nel capitale sociale di ingenti quantità di denaro dei sodalizi criminali

L’articolo intitolato: Turismo: il Covid, la crisi, le infiltrazioni. Così la mafia si insinua è stato inserito il 2021-04-22 13: 00: 16 dal sito online (lasicilia.)

Originale

Cerca da altre fonti:
Google

Yahoo

Show More