Turismo e locali notturni affari della mafia, procura pronta ai processi: chi sono i 40 indagati

26
Turismo e locali notturni affari della mafia, procura pronta ai processi: chi sono i 40 indagati
Turismo e locali notturni affari della mafia, procura pronta ai processi: chi sono i 40 indagati

Turismo e locali notturni. Sono i due nuovi grandi business della mafia, oltre alla cocaina, al centro anche della maxi operazione «Atena», conclusa lo scorso marzo con 32 ordini di custodia per mafia, riciclaggio e fittizia intestazione di beni.

Adesso, come scrive Leopoldo Gargano sul Giornale di Sicilia in edicola, la procura ha chiuso le indagini e per 40 si profila una richiesta di rinvio a giudizio. Tra loro anche i fratelli Tommaso e Gregorio Di Giovanni, considerati i capi indiscussi del mandamento di Porta Nuova.

Ecco chi sono i 40 indagati per i quali la procura si appresta a chiedere il processo. Tredici erano finiti in cella. Francesco Arcuri, Paolo Calcagno, Giuseppe Corona, Tommaso e Gregorio Di Giovanni, Michele Madonia, Francesco Pitarresi, Gaspare Rizzuto, Filippo Maniscalco, Settimo Spitaliere, Costantino Trapani, Giulio Affranchi, Salvatore De Luca. Per altri 19 erano stati disposti gli arresti domiciliari: Pietro Burgio, Cristian Caracausi, Gioacchino Cirivello, Andrea Damiano, Salvatore De Santis, Alessandro Angelo Di Blasi, Benedetto Graviano, Alessio Haou, Antonino Pisciotta, Antonio Sorrentino, Rosalia Spitaliere, Salvatore Sucameli, Vincenzo Toscano, Sebastiano Vinciguerra, Salvatore D’Oca, Giovanni Maniscalco, Khemais Lausgi, Gandolfo Emanuel Milazzo e Fabrizio Nuccio. Infine altri 8 erano indagati a piede libero: Salvatore Dario Arcuri, Carmelo Gennaro, Rosolino Mirabella, Giovanni Salerno, Vito Seidita, Cosimo Vernengo, Vincenzo Cusimano, Francesco Giacalone,

 

Dal Giornale di Sicilia in edicola.
Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale