Home Palermo Truffa sulle protesi chirurgiche: arrestati primario (Natale Francaviglia), infermiere e caposala

Truffa sulle protesi chirurgiche: arrestati primario (Natale Francaviglia), infermiere e caposala

Arrestati a Palermo un primario, un caposala e un infermiere di una struttura ospedaliera e un rappresentante di protesi chirurgiche, con sequestro di beni per truffa in danno del servizio sanitario. Nei confronti di Natale Francaviglia, direttore unità complessa di Neurochirurgia dell’ospedale Civico, degli infermieri e dell’agente di commercio sono stati disposti i domiciliari.

Si tratta di Natale Francaviglia, direttore unità complessa di Neurochirurgia dell’ospedale Civico, degli infermieri Santo Montemurro, ex coordinatore infermieristico del reparto, l’infermiere Michele Bruno e l’agente di commercio della società Servizi Medicali srl Francesco Tarallo.

Il blitz è scattato su delega della procura della Repubblica di Palermo, ad opera dei carabinieri del Nas che hanno dato esecuzione a una ordinanza per gli arresti domiciliari emessa dal Gip nei confronti di un direttore di Unita’ operativa complessa, di un coordinatore infermieristico e di un infermiere, tutti dipendenti di un nosocomio cittadino, nonche’ di un agente di commercio di protesi sanitarie, ritenuti responsabili, a vario titolo, di concorso in reato continuato di truffa aggravata ai danni di ente pubblico, falsita’ ideologica aggravata commessa dal pubblico ufficila e in atti pubblici, abuso d’ufficio.

Le indagini condotte con servizi di osservazione, pedinamento e intercettazioni, hanno permesso di scoprire una organizzazione finalizzata a realizzare truffe ai danni del servizio sanitario regionale, mediante la falsificazione di documenti e registri di carico e scarico del materiale protesico utilizzato negli interventi di chirurgia cranica e della colonna vertebrale, in particolare dichiarando l’uso di dispositivi medici in numero notevolmente superiore rispetto a quello realmente impiantato sui pazienti nel corso degli interventi chirurgici. 

Il dirigente medico, inoltre, con la collaborazione di altri medici ed infermieri della sua Unità operativa (e per questo sono indagati per abuso d’ufficio e falso sette medici e due infermieri), faceva bypassare ai propri pazienti privati, paganti, le liste d’attesa per gli interventi chirurgici, facendoli figurare come se avessero seguito le normali procedure istituzionali di ricovero.

Con la stessa ordinanza il Gip ha anche disposto il sequestro preventivo, per equivalente, della somma di 43.724 euro, nei confronti degli arrestati e di altri due soggetti non colpiti da provvedimento restrittivo, rispettivamente un infermiere dello stesso ospedale Carmela Lombardo e l’amministratore della società fornitrice dei dispositivi medici Gianmarco Randazzo.

ULTIMORA

Sorveglianza speciale e confisca di beni per mafioso di Cattolica Eraclea

Sorveglianza speciale e confisca di beni per mafioso di Cattolica EracleaEmpedocle: contagiato il marito del sindaco 4 Arriva la conferma: il tampone Covid-19 è...

Aiuti per i palermitani, il Comune: ‘Controlli certi per tenere lontani i furbi’

Aiuti per i palermitani, il Comune: 'Controlli certi per tenere lontani i furbi'Avviate le procedure di autocertificazione per i cittadini: già 200 circa le...

ACCOLTA LA RICHIESTA DEI FAMILIARI, FATTO IL TAMPONE A PAOLO RUGGIRELLO

ACCOLTA LA RICHIESTA DEI FAMILIARI, FATTO IL TAMPONE A PAOLO RUGGIRELLOLe vicissitudini sanitarie/carcerarie di Paolo Ruggirello sono state riportate su molti giornali proprio grazie...

Covid Team: terminato un intervento, a San Marco d’Alunzio

Covid Team: terminato un intervento, a San Marco d'AlunzioTRASPORTATI IN OSPEDALE 17 ANZIANI. Policlinico "G. Martino" di Messina ha ultimato le attività avviate a...

De Luca, M5S-Ars,: “Nessuna responsabilità per chi fa lavorare gli operatori sanitari senza protezioni? Proposta assurda e irrispettosa, il …

De Luca, M5S-Ars,: "Nessuna responsabilità per chi fa lavorare gli operatori sanitari senza protezioni? Proposta assurda e irrispettosa, il ...IL DEPUTATO SICILIANO ALL'ARS, SI...