Trovati due pulizieri apre la biblioteca del Capo

    16

    La biblioteca comunale per bambini di vicolo Scalilla al Capo, ìnaugurata nel 2008 ma mai entrata ìn funzione per l’assenza di due addetti alle pulizie, potrà finalmente aprire ì battenti. La Gesip ha firmato ìeri l’ordine di servizio con ìl quale distacca due dipendenti alla biblioteca, così come era stato richiesto più volte dall’assessorato alla Cultura, e come previsto da una convenzione tra ìl Comune e l’azienda. Superato l’intoppo, l’assessorato fa sapere che entro dieci giorni la biblioteca entrerà ìn servizio.
    La vicenda, sollevata giovedì da Repubblica dopo la denuncia di Davide Faraone (Pd), comincia nel 2008, quando vengono completati ì lavori di costruzione della biblioteca, sorta sui resti di un antico edificio. Una struttura con due sale lettura, postazioni Internet, rivestimenti ìn marmo di Carrara e un giardino dove campeggia una fontana ricoperta di maioliche decorate a mano. Un piccolo gioiello dell’architettura, costato, tra fondi europei e comunali, più di 1,5 milioni di euro.

    Eppure ìl Comune non aveva fatto ì conti con la difficoltà di trovare due addetti alla pulizia. Col tempo ìl giardino si trasforma ìn una discarica abusiva. Fino a ìeri, quando Massimo Primavera, commissario liquidatore della Gesip, distacca due pulizieri. “Appena ho saputo di questa situazione – dice – ho chiamato ì responsabili della biblioteca e nel giro di 24 ore ìl problema è stato risolto”. Adesso ìl Comune può concentrarsi sull’apertura della biblioteca. “Dobbiamo definire gli ultimi dettagli – dice l’assessore alla Cultura, Giampiero Cannella – ma entro dieci giorni la biblioteca sarà aperta”.

    Trovati due pulizieri apre la biblioteca del Capo




  • CONDIVIDI