Tribunali: Modica, Nicosia e Mistretta mettono “in mora” il ministro Bonafede

“Se il ministro della Giustizia, Alfonso Bonafede, volesse, già domattina si potrebbero avviare attività giudiziarie nei Tribunali soppressi di Mistretta, Nicosia e Modica, in sintonia, rispettivamente, con quelle dei Tribunali di Patti, Enna e Ragusa. Per questo basterebbe solo che si attuasse la convenzione tra Regione e Ministero prevista dalla legge, con le spese di gestione a carico della Regione siciliana. Perchè il ministro non firma, malgrado le quattro richieste di convocazione a Roma avanzate dall’assessore regionale Bernadette Grasso dal marzo del 2018”?
E’ quanto affermato dal portavoce del Comitato Pro Tribunale di Nicosia, Piergiacomo La Via, nel suo intervento al vertice dei tre Comitati che si battono per la riapertura dei Tribunali siciliani soppressi e per la ripresa delle attività giurisdizionali interrotte dalla riforma della geografia giudiziaria del 2012. Alla riunione, svoltasi questa mattina al Comune di Modica, hanno partecipato i rappresentanti delle quattro amministrazioni civiche dell’…
Leggi anche altri post su Enna o leggi originale
Tribunali: Modica, Nicosia e Mistretta mettono “in mora” il ministro Bonafede


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, privo di intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer